21 maggio 2008

Due Zingari


Una giornata speciale, una giornata di piccole cose, per piccoli, grandi motivi. 
Una passeggiata con la mia ragazza, felice di aver appena comprato il suo primo obiettivo, a Porta Portese, usato, vecchio. 
Come il 50mm di mio padre con cui ho conosciuto la fotografia.

Mentre camminiamo, un cucciolo di bassotto, a spasso con i suoi nuovi padroni. Così dolce, così carino. Come non fargli due foto mentre al semaforo aspetta di attraversare, goffo e spaventato, le prime strade della sua vita?
"Poi devi fare una foto anche a lei!" esclama una voce fuori campo. Un uomo, col suo zaino, si accompagna ad una deliziosa bastardina, meno nobile del bassotto - questo è certo - ma elegante come Marlene Dietrich, con un foulard al collo. Quell'uomo è Mario, con la sua cagnetta, di cui - ci tiene a precisarlo - non è il padrone, ma il "responsabile". 
Perchè lei non è SUA, è con lui.
 
Mario è un fotoreporter freelance, che è mancato dall'Italia per trent'anni. Ha vissuto in mezza Europa, ad Amsterdam, in Norvegia, in Germania...praticamente ovunque. 
Uno Zingaro d'altri tempi. 

Parla otto lingue, dice. Ma bene solamente sei. Imparate soprattutto per strada, dove talvolta Ha vissuto. Da cui una giovane italiana, Daniela, l'ha portato via, l'ha salvato, per riportarlo in Italia. Dove adesso si trova. Pronto, come una piuma, a spiccare il volo al primo alito di vento.

Si parla di fotografia, ovviamente "analogica", quella che si faceva e che pochi temerari amatori ancora fanno con la pellicola, con la camera oscura, con il cuore. 
Quella che la digitalizzazione sta trasformando in una lenta eutanasia dell'arte.

Secondo Mario, la foto a pellicola è un insieme di fattori unici (luce, temperatura, umidità, stato d'animo di chi scatta...), che mai si ripeteranno e che rendono ogni fotogramma un istante catturato nella storia del mondo, nella storia di ciascuno di noi. Lui lo chiama il "Carpe diem". Che fa tanto Setta dei Poeti Estinti, che fa tanto Professor Keating...
E dentro di me cresce a dismisura la voglia di salire sul parapetto del ponte e urlare:"Capitano, mio Capitano!!"

Punto di vista affascinante il suo, senza dubbio. 
Talmente affascinante da costringermi a tirare fuori dallo zaino la mia Yashica...una vecchia reflex a pozzetto che ultimamente, forse stanco delle fredde schede di memoria, ho deciso di ricominciare ad utilizzare.
I suoi occhi brillano.

Si continua a parlare. Politica, vita di tutti i giorni, si parla di noi. 
Si parla con un estraneo, che poi tanto estraneo non sembra.

Dal di fuori forse io e la mia ragazza sembravamo due turisti fermati da un senzatetto alla ricerca di qualche spiccio, dal di dentro eravamo due uomini, uno più esperto e vissuto, l'altro meno ma con tanta grinta e curiosità addosso, che si confrontavano, raccontavano, aprivano l'un l'altro, mentre una neo-reporter, con il suo obiettivo nuovo, raccontava con le sue immagini quei bellissimi momenti.

Si fa tardi, dobbiamo andare. Dopo aver detto una decina di volte ciascuno "ti dico questo e ti lascio andare", ci accorgiamo che e ora di separarci. E ci dispiace. 
Veramente.

Mario ci lascia il suo biglietto da visita. Ci salutiamo, ci sentiremo. Tre o quattro strette di mano e le nostre strade si separano.

Andando via parlo con la mia compagna di viaggio dello sguardo appena incrociato e di quanto la sua storia somigli a quella di qualcuno a me caro, che mi ha dato lo spunto per trovare un muretto su cui sedermi, per esprimere i miei pensieri, per incontrare dei passanti, per incontrare degli amici.

Dentro di me però il pensiero è un altro. 

Penso a quanto quello sguardo mi sembrasse familiare, quanto in comune avessi con quell'uomo, quanto alla fine, forse, sia assurdo affannarsi a cercare di ottenere degli status, degli oggetti, delle sicurezze....quando girando per il mondo, con una macchina fotografica in mano, magari dormendo per strada, si possano imparare otto lingue, vedere posti indimenticabili, conoscere la storia, la politica, le culture, le persone. E non da internet, da linkedin, flickr o social network vari ed eventuali, finalizzati solamente a mettere insieme tante solitudini, di persone che non passeggiano più in strada, non si fermano più a chiacchierare con gli estranei.
Certo è che stando le cose così come stanno, nonostante una piacevole chiacchierata, bagnati da uno splendido sole romano, io e Mario siamo diversi sotto tanti aspetti. 
Questo è certo.

Ma è poi così certo?

Ciao Mario, grazie della chiacchierata e a presto.

12 commenti:

daleth ha detto...

"dove talvolta a vissuto"

sei ignorante come la calia :-)

Anonimo ha detto...

in bocca al lupo zingari:-)

iosimona

Lo Zingaro ha detto...

@Dani: L'ho scritta notte tempo! Mi che sei scassapalle!! :P Avevo sonno!!

@Simo: Crepi Simo, crepi...

Anonimo ha detto...

veniteci a trovare...-Vi- aspettiamo...
Simona

pOpale ha detto...

Bella foto e dice molto del vostro incontro
Buona giornata

camelia ha detto...

Questo tuo post rivive molto dell'atmosfera del libro di Terzani che ho appena finito, "La fine è il mio inizio".Camelia.

Bk ha detto...

E' bello emozionarsi ancora leggendo...
grazie zingariello!
oggi mi serviva proprio...
a presto bk

Thirthy ha detto...

Hai ricevuto un regalo unico, di quelli fatti con le mani e con la fantasia, di quelli che nessuno può comprare ma si ricevono da chi in qualche modo ti vuole bene...

Lo Zingaro ha detto...

@Ale: grazie per la foto, girerò il tuo complimento alla piccola fotografa che l'ha scattata! :) Buona notte, data l'ora...

@Camelia: tra i miei libri preferiti...letto poco prima di (fanculopensiero) e forse preparatorio a quest'ultimo. Terzani a modo suo mi ha insegnato molto...

@bk: se quello che vivo, oltre ad emozionare me, riesce ad emozionare anche altri, a "passare" oltre me...non posso che esserne felice. Ed ancora di più lo sono se a te serviva proprio oggi...bene così!
A presto bk!

@Gracie: lo è stato, di sicuro...uno di quei regali che nessuno potrà mai sciupare, rubare...confezionato da mani che vedono in me qualcosa di diverso da quello che vedevano altri, che vedono altri...spesso da quello che vedo io.

rompina ha detto...

bellissimo...stupendo...mi hai emozionato e mi hai portato per un attimo a Porta Portese e sul Lungotevere a parlare con Mario e a guardare nei suoi occhi...bellissimo, non mi viene altro da dire...

Angie ha detto...

Vado a farmi una bella passeggiata...
;-)

ape ha detto...

meraviglia!

Condividi su Facebook
Questo libro non parla di strada.
La strada solamente appare sullo sfondo. È ambientato in strada, ma non di più.
Questo libro non parla nemmeno di gente di strada. Parla di gente e basta. É stato scritto in strada, questo si...
Questo libro parla di Ricominciare. Ricominciare daccapo, cercando di capire.
O ancora meglio: non facendo nulla senza prima aver fatto lo sforzo effettivo per capire. Prima capire, poi fare. Beati coloro che nella vita non han fatto ancora niente. Le loro pene, quando una buona volta capiranno la propria strada, saranno minime.


Maksim Cristan