18 giugno 2007

Il poeta sciacchitano


Posato sopra il tavolo della cucina,
c’è il cuore mio che aspetta di essere servito,
c’è tutto dal buon vino all’insalata,
ed io che nel frattempo faccio da intrattenitore…
qui al banchetto dell’amore.

A turno i commensali si aprono il petto,
e servono il cuore crudo come il pesce dei Cinesi,
tendono le mani giunte e aspettano che…
un Angelo custode che si veda…
si porti via il dolore…
qui al banchetto dell’amore.

Rito di chi crede in Santi e Spade,
e fuori è pioggia e come è pioggia è neve,
il freddo ha tramortito i corpi di chi…
ha voluto banchettare, è andato via il dolore,
qui al banchetto dell’amore...




Ivan Segreto e Paolo Fresu che danno vita ad emozioni pulsanti...
Nessun virtuosismo, nessun pezzo di bravura...benchè ne abbiano da vendere entrambi.
Solo la voglia di giocare a fare chiudere gli occhi e battere i piedi in levare.

2 commenti:

Thirthy ha detto...

Bellissimi e bravissimi...un brivido, soprattutto ascoltandoli con i piedi nell'erba...Sono sicura che i "malpensanti" adesso ti diranno che sono pure drogata!!!

Lo Zingaro ha detto...

Alcolista, mojitista di merda!
Noi siamo drogati, dai! Ammettiamolo...
La droga che prendiamo e che prende la gente come noi (stupefacente ancora molto d'élite) è molto pericolosa...fa dire "quellochepensi" e "viverecondividere" le emozioni!
Bisogna stare mooolto attenti e non dirlo a nessuno o il resto del mondo ci chiuderà in comunità, dove ci daranno 4 noccioline, due gialle e due rosse!!

Condividi su Facebook
Questo libro non parla di strada.
La strada solamente appare sullo sfondo. È ambientato in strada, ma non di più.
Questo libro non parla nemmeno di gente di strada. Parla di gente e basta. É stato scritto in strada, questo si...
Questo libro parla di Ricominciare. Ricominciare daccapo, cercando di capire.
O ancora meglio: non facendo nulla senza prima aver fatto lo sforzo effettivo per capire. Prima capire, poi fare. Beati coloro che nella vita non han fatto ancora niente. Le loro pene, quando una buona volta capiranno la propria strada, saranno minime.


Maksim Cristan